infocantharide@gmail.com
Home > Progetti  > D'umanità L'Attore  > D’Umanità L’Attore – Progetto Triennale

(attore-scena-drammaturgia)

PROGETTO IN RETE DI CANTHARIDE-DRAMA TEATRO                         

 

L’anno 2019 segna l’avvio del nuovo progetto triennale D’UMANITÀ L’ATTORE

(attore scena drammaturgia) , dedicato al lavoro dell’attore in scena, e realizzato da Associazione Artisti Drama di Modena e Associazione Cantharide di Zola Predosa (BO). Le due associazioni, entrambe assegnatarie del contributo 2016-2018, inaugureranno il progetto il prossimo giugno con la presentazione di due studi performativi aperti al pubblico.

Il progetto triennale nasce dal desiderio da parte di entrambe le direzioni artistiche di approfondire la ricerca dell’azione scenica, promuovendo la centralità dell’attore sulla scena teatrale. Cantharide e Artisti Drama organizzano da anni la propria rassegna negli spazi di Drama Teatro e di Auditorium Spazio Binario condividendo poetiche e sguardi sul teatro contemporaneo.

Gli attori in scena devono poter trasmettere umanità mantenendo zone di vulnerabilità, per sorprendersi e ridare ogni volta nuova vita al lavoro, sorprendere lo spettatore, trovare nuove vene d’oro da scoprire. Perché questo accada la drammaturgia e la regia devono lavorare con l’attore, è un processo che si compie in relazione, prende corpo nel suo farsi.

Il progetto in rete si articolerà nei tre anni prendendo in considerazione alcuni importanti aspetti che compongono il rapporto attore- scena -spettatore.

  1. Letture sceniche  coordinate da Claudio Morganti a partire da due grandi maestri del cinema internazionale: Ingmar Bergman e John Cassavetes.

  2. Laboratori di drammaturgia  sul lavoro degli attori, uomini e donne, portatori di diversità e bellezza al centro della scena.

  3. Una produzione con drammaturgia originale di Rita Frongia.

  4. Documentazione fotografica di Dorin Mihai.

  5. Incontri per gli spettatori con ospiti illustri: Critici, studiosi e artisti.

  6. Circuitazione nazionale del progetto con la collaborazione di Teatro Patalò.

Progetto annuale 2019

Collaborazioni con altri soggetti / Partecipazione a progetti di rete

 

D’UMANITÀ L’ATTORE

(attore-scena-drammaturgia)

progetto in rete di Cantharide-Drama teatro

in collaborazione con Teatro Patalò

 

Il primo anno di progetto affronterà il lavoro dell’attore attraverso la lettura scenica con la rielaborazione e la messa in scena di sceneggiature cinematografiche.

In questa prima fase prevede il coinvolgimento di sei attori che tra aprile e maggio affronteranno la lettura e la messa in scena di alcune sceneggiature. Gli attori Francesco Pennacchia, Gianluca Balducci e Stefano Vercelli affronteranno la lettura performativa dei testi cinematografici del regista statunitense John Cassavetes, mentre le attrici Elena Galeotti, Isadora Angelini e Angela Antonini dedicheranno il proprio lavoro artistico alle sceneggiature di Ingmar Bergman. Entrambe le letture saranno coordinate da Claudio Morganti

A giugno il pubblico potrà assistere alla presentazione dei due primi studi:

  • Le letture sceniche Mariti e Persona dedicate alla poetica cinematografica di J. Cassavetes e I.Bergman.
  • Incontro al termine delle due performance con il critico Antonio Attisani in dialogo con gli attori e il pubblico.
  • Il progetto fotografico che accompagnerà D’UMANITA’ L’ATTORE sarà affidato al fotografo Dorin Mihai.

A febbraio 2020 i due studi verranno in seguito presentati nell’Auditorium Spazio Binario di Zola Predosa, spazio gestito da Ass. Cantharide, all’interno della stagione teatrale Contronatura 2020 e a Monte San Vito (AN) nella rassegna Fuor di Teatro curata da Teatro Patalò .

 

SCHEDA SINTETICA 2019

COLLABORAZIONE CON ALTRI SOGGETTI / PARTECIPAZIONE A PROGETTI DI RETE

D’umanità l’attore (attore-scena-scrittura), è il progetto triennale dedicato alla centralità del lavoro dell’attore in scena realizzato in collaborazione con Associazione Cantharide di Zola Predosa (BO). Prevede per l’anno 2019 la produzione di due letture sceniche, un incontro di approfondimento con il pubblico e l’avvio di un progetto di rete regionale grazie al coinvolgimento di altre realtà artistiche del territorio. Tutto il lavoro di produzione teatrale delle due associazioni sarà accompagnato dalla documentazione fotografica di Dorin Mihai.

servcult@postacert.regione.emilia-romagna.it